English Version Spain Version Russia Version
Ricerca nel Sito


Italia, Roma -- Ponte della Musica-Armando Travajoli

Fornitura di dispositivi antisismici e giunti di dilatazione

SCHEDA

 

Luogo Roma - Italia
Committente Consorzio Edilsa, UD (proprietà SVEI, Roma)
Impresa Consorzio Stabile Consta, Mattioli S.p.A.
Progettazione Buro Happold, Kit Powell-Williams Architects
Installazione 2010

Tipo di struttura Ponte ad arco in acciaio e cemento armato
Lunghezza 190 m, Larghezza 22 m
Dispositivi antisismici

Tipo e quantità:
n. 38 isolatori a scorrimento a superficie piana EM

Caratteristiche:
Diametro da 600 ad 800 mm
Carichi verticali massimi da 2500 a 4300 kN
Spostamento ± 180 mm
Smorzamento viscoso equivalente 10%

Giuntidi dilatazione
ml 34   RAN 100S
ml 17   GPE 300

Descrizione

Il ponte della Musica-Armando Trovajoli è un ponte di Roma che sovrappassa il Tevere tra i quartieri Della Vittoria e Flaminio; sospeso tra il lungotevere Flaminio e quello Cadorna, il ponte collega l'auditorium Parco della Musica, il parco di villa Glori, il museo del MAXXI e il teatro Olimpico con il complesso sportivo del Foro Italico, lo spazio verde di Monte Mario, il museo del Genio e l'auditorium della Rai.
Realizzato in acciaio e cemento armato, è riservato all'uso ciclabile e pedonale, nonché per il trasporto pubblico (tram e autobus elettrici); inaugurato nel maggio 2011 come ponte della Musica, a due anni di distanza è stato intitolato alla memoria di Armando Trovajoli, assumendo l'attuale denominazione.
La maggiore caratteristica architettonica dell'opera è ravvisabile nei due grandi archi ribassati in acciaio lievemente inclinati verso l'esterno.
Le imposte degli archi in calcestruzzo armato si sviluppano fino al suolo e rimandano le spinte dei due elementi.
I piedritti alla base inglobano le scale di collegamento al piano calpestabile, e d'accesso alle rive del fiume.
La passerella centrale del ponte, che permette il passaggio di ciclisti e mezzi pubblici, ha una pavimentazione in asfalto; i due calpestizi laterali, adibiti prettamente al passaggio pedonale, sono invece ricoperti con doghe di legno che poggiano direttamente sulla struttura d'acciaio.
Il progetto esecutivo dell'opera ha previsto una modifica dello schema strutturale senza alterare in alcun modo la geometria e le forme pensate dall'architetto Powell.
Il ponte si presenta infatti, nella nuova configurazione, con uno schema a spinta eliminata per mezzo di stralli precompressi posti all'interno dell'impalcato. Al fine di ridurre gli effetti dell'azione sismica, la spalla del ponte lato piazza Gentile da Fabriano (spalla sinistra) è stata inoltre isolata alla base per mezzo di isolatori sismici.

Sei in: Referenze nel mondo » Ricerca per parametri » Italia, Roma -- Ponte della Musica-Armando Travajoli