English Version Spain Version Russia Version
Ricerca nel Sito


Grecia, Santorini -- copertura scavi di akrotiri

Fornitura di dispositivi antisismici

SCHEDA

mimetype  scarica scheda progetto 234 KB

Luogo

Santorini
Grecia

Scavi di Akrotiri Grecia

Committente

Società Archeologica Greca

Impresa

Akrotirion Project
Thera J. V. (J & P, Impregilo, Avax, Gnomon)

Progettazione

SIMEL

Consulenti

P. Carydis
N. Papantonioui

Installazione

2003


Tipo di struttura

Struttura reticolare in acciaio

Superficie

11800 m2

   

Dispositivi antisismici

Tipo e quantità:
86 isolatori elastomerici con nucleo in piombo
6 isolatori elastomerici con nucleo in piombo  con sistema antisollevamento
2 isolatori multidirezionali a disco elastomerico confinato

Caratteristiche:
Per gli isolatori elastomerici con nucleo in piombo:
Carichi verticali massimi da 670 a 760 kN
Forze orizzontali massime da 100 a 160 kN
Spostamenti da ± 180 mm a ± 260 mm
Per gli isolatori a disco elatomerico confinato:
Carico verticale massimo 850 kN
Spostamento ± 400 mm

Descrizione

Nei pressi del moderno villaggio di Akrotiri si trovano le rovine di una città dell’età del Bronzo, che fu prima distrutta da un terremoto e successivamente seppellita sotto una spessa coltre di ceneri, durante un’eruzione vulcanica nel XVII secolo a.C. La copertura delle rovine è stata recentemente sostituita con una struttura reticolare spaziale sorretta da 94 colonne in acciaio a sezione circolare cava.

L’alta sismicità del luogo (l’ultimo terremoto distruttivo avvenne nel 1956) ha portato alla scelta di isolare alla base la struttura, gravata anche dal peso di circa 20 cm di terra al di sopra della copertura. L’isolamento sismico ha permesso di ridurre l’accelerazione nella struttura da 0.90 a 0.36 g.

I dispositivi sono posizionati tra i pali di fondazione e le colonne in acciaio. Per la maggior parte sono isolatori elastomerici con nucleo in iombo di due diverse tipologie, ed alcuni sono dotati di sistemi antisollevamento.

L’isolamento sismico non è l’unico aspetto innovativo di questa costruzione. Ad esempio, la copertura di terra è finalizzata sia alla riduzione dell’impatto ambientale che all’isolamento termico che, insieme ad un sistema di ventilazione naturale, garantisce il controllo della temperatura senza l’ausilio di impianti di condizionamento.

Foto

dispositivo antisismico
dispositivo antisismico in collaudo presso il laboratorio di FIP INDUSTIRALE 

Bibliografia

Lupoi G., Castellano M.G., (2005) Sanità di base, Quaderni di CO2 costruzioni-due - Tecnica e tecnologia di cantiere, n. 6-Settembre 2005.

Sei in: Referenze nel mondo » Ricerca per parametri » Grecia, Santorini -- copertura scavi di akrotiri